fbpx

Le pellicce ecologiche non sono ecologiche!

Pelle e pellicce sono “naturali”, biodegradabili al 100%

La pelliccia che voi definite ecologica è fatta con il poliestere ricavato dal petrolio, un derivato del propilene, sottoprodotto delle lavorazioni nelle raffinerie.

L’ Unione Internazionale per la conservazione della natura (IUCN) riferisce che il solo lavaggio dei capi in fibra sintetica è la causa di ben il 33% delle emissioni microplastiche nell’ambiente.

Le Nazioni Unite di Ginevra hanno diffuso dati veramente allarmanti sull’impatto ambientale della moda, collocandola al secondo posto tra le industrie più pericolose al mondo per l’ambiente in quanto produttrice del 20% del totale delle acque di scarico e del 10% delle emissioni globali. Solo il comparto petrolifero produce più inquinamento.

Oggi si abusa dell’aggettivo “ECOLOGICO” per attrarre clienti e aumentare le vendite, nascondendo vere e proprie truffe.

La pelliccia è un prodotto naturale ed è forse la scelta più ecologica, se di ecologia stiamo parlando. Se il problema è lo sfruttamento animale da parte dell’uomo dobbiamo estendere il concetto agli alimenti, all’abbigliamento, alle calzature, borse, ecc.

Gli animali da pelliccia sono, e io per primo dico “grazie al cielo”, tutti allevati. Non possiamo fare distinzioni tra bovini, suini, ovini allevati per l’alimentazione ed i visoni.

Inoltre a differenza di altri materiali del settore tessile, i capi in pelliccia possono essere tagliati nuovamente e trasformati seguendo l’evoluzione della moda. La pelliccia è uno dei pochi capi di abbigliamento tramandata e spesso utilizzata da due o persino tre generazioni. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *